5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

La dichiarazione dei redditi 2016

Ecco come fare la propria dichiarazione dei redditi nel 2016.
I modelli delle dichiarazioni dei redditi (730, Unico PF, CU) si possono trovare sul sito dell’Agenzia delle Entrate, insieme alle linee guida per la compilazione e lo scadenziario per la consegna.

Quando scade la dichiarazione dei redditi?

  • 7 marzo 2016 presentazione del CU in via telematica direttamente o tramite un intermediario abilitato
  • 30 giugno 2016 presentazione del modello Unico Persone Fisiche in forma cartacea tramite ufficio postale
  • 7 luglio 2016 presentazione del 730 al sostituto d’imposta, all’ente pensionistico, al Caf o al professionista abilitato
  • 30 settembre 2016 presentazione del Modello Unico Persone Fisiche per via telematica

Chi deve fare la dichiarazione dei redditi?

Dovranno fare la dichiarazione dei redditi i lavoratori dipendenti, i pensionati, i lavoratori autonomi e tutti coloro che durante il 2015 hanno percepito un’indennità sostitutiva (integrazioni salariali, indennità di mobilità, soci di cooperative, contribuenti con un contratto a tempo determinato di durata inferiore ai 12 mesi).

Le novità della dichiarazione dei redditi 2016

Tra le novità principali per la dichiarazione dei redditi 2016 c’è la possibilità di utilizzare il modello 730 precompilato da scaricare direttamente sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

Il modello sarà reso disponibile sul sito, per accedervi è necessario richiedere un PIN personale, solo a questo punto il contribuente dopo aver verificato la correttezza dei dati riportati potrà accettare la dichiarazione, oppure modificarla. Solo in caso di completa accettazione non saranno effettuati controlli dall’Agenzia nel caso di rimborso detrazioni superiore ai 4 mila euro.

Per quanto riguarda le detrazioni, tutte le spese sostenute per interventi di recupero e ristrutturazioni edilizie (compresi gli interventi di ripristino a seguito di calamità naturali e in caso di dichiarato stato d’emergenza) possono essere detratte del 50% al posto del 36% fino a un tetto massimo di 96 mila euro. Nella denuncia dei redditi 2015 non è possibile, inoltre, per i contribuenti di età non inferiore ai 75 e 80 anni, suddividere la detrazione rispettivamente in 5 o in 3 quote annuali. Tutti hanno l’unica possibilità di ripartire l’importo in detrazione in 10 quote annuali.

Per non commettere errori consulta gli esempi di compilazione

Per maggiori informazioni leggi anche:

GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze