5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

Tutte le nuove detrazioni 2016 del modello 730 precompilato

Il modello 730 è quel modulo fiscale, introdotto nel 1993 in sostituzione del modello 740, necessario per provvedere alla dichiarazione dei redditi. In genere il modello 730 nasce per i lavoratori dipendenti e pensionati che possono usufruirne per dichiarare i redditi di lavoro dipendente e quelli assimilati ai redditi di lavoro dipendente.

Il modello 730 viene utilizzato anche per dichiarare i redditi dei terreni e dei fabbricati, i redditi di capitale, e quelli di lavoro autonomo per i quali non è necessario essere in possesso della Partita Iva. Infine, il modello 730 viene utilizzato anche per dichiarare alcuni redditi assoggettabili a tassazione separata.

Modello 730 detrazioni 2016

Anche quest'anno, così come era già accaduto nel corso dell'anno scorso, il Governo ha predisposto un modello 730 precompilato con alcuni dati, già noti al Fisco. Da quest'anno, inoltre, vengono indicate anche tutte le spese sanitarie note. Al contribuente spetterà solo esaminare il modello ed accettare la dichiarazione in esso contenuta, o in alternativa integrarla mediante l'invio di una ulteriore dichiarazione tramite il sito dell'Agenzia delle Entrate, o il personale del Caf.

Sarà possibile detrarre dal modello 730 non solo le spese sanitarie ma anche delle spese riferibili ai costi universitari, ai bonus di ristrutturazione edilizia ed alle spese funebri.

Entrando più nel dettaglio, nella Gazzetta ufficiale del 22 gennaio 2016 è stato pubblicato il decreto del ministero dell'Economia del 13 gennaio 2016, in cui si informa il contribuente della possibilità di poter detrarre dal modello del 730 le spese relative a corsi di istruzione universitaria e corsi universitari di specializzazione. In generale, vengono sottratte le spese riferibili a corsi e master di perfezionamento, od a master che, per la loro durata e particolare struttura dell’insegnamento, possono essere collocati sullo stesso piano dei corsi tenuti in università o dei corsi di specializzazione.

Inoltre, il decreto del ministero dell'Economia ammette anche la detrazione delle spese relative all'iscrizione ai corsi di dottorato di ricerca. In questo caso, è stato disposto che saranno le stesse Università, pubbliche o private, a comunicare alle Agenzie delle Entrate tutte le spese effettivamente sostenute da ciascuno studente. Secondo questa procedura, il Fisco sarà messo nelle condizioni di poter calcolare tutte le detrazioni ed inserirle nel modello precompilato della dichiarazione 730.

Quest'anno sono detraibili anche le spese funebri. All'interno del decreto del ministero dell'Economia, infatti, è stato disposto che tutti i soggetti che emettono fatture riferibili alle spese funebri, dovranno trasmettere tutti i dettagli all'Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio di ciascun anno. Questi soggetti dovranno comunicare i dati del soggetto deceduto, dei soggetti a cui è stata intestata la fattura e l'ammontare delle spese sostenute. Il Fisco, in questo modo, potrà calcolare tutte le detrazioni ed inserirle nel modello del 730 precompilato.

Tra le spese detraibili dal modello 730 precompilato, rientrano anche i bonus per l'edilizia e l'energia. È stato meglio specificato che si arriverebbe a parlare addirittura di detrazioni al 50% relative a tutte le ristrutturazioni edilizie e detrazioni fino al 65% per tutti i lavori di riqualificazione energetica. Chiaramente, però, nel modello 730, che i contribuenti presenteranno durante questo anno in corso, sono contenute solo le spese affrontate lo scorso anno.

In questo caso, saranno le banche o le poste a comunicare al Fisco, entro il 31 gennaio, i dettagli relativi ai bonifici effettuati, al mittente e beneficiario della detrazione e, soprattutto, ai destinatari dei pagamenti. Anche in questo caso, la detrazione è frazionata in dieci anni.

Altra importantissima novità è la detrazione delle spese sanitarie. Tuttavia, il Fisco non può inserire nel modello 730 precompilato tutte le spese sostenute. Infatti, a causa di alcuni problemi riscontrati nell'organizzazione delle farmacie, verranno comunicate all'Agenzia delle Entrate sono le spese riferibili ai farmaci acquistati dietro presentazione della ricetta medica. Verranno calcolate anche le spese affrontate per l'effettuazione di prestazioni mediche od odontoiatriche, ricoveri ed ulteriori e varie prestazioni ospedaliere.

Restano esclusi dal modello 730 precompilato, fino a questo momento, le spese effettuate per l'acquisto dei farmaci da banco. Questi, quindi, dovranno essere inserite manualmente dai contribuenti. Tuttavia, occorre chiarire che l'effettuazione delle modifiche al modello già precompilato fa venir meno alcuni benefici, come la mancanza di controlli fiscali.



GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze