5 per mille - AIRC
5 per 1000

AIRC
Home | Chi siamo | Come aiutarci | Site Map
MENU
5 per mille - sostieni la ricerca

NOVITA' 730/2019

Ecco le novità 2019 per il modello 730

  • Obbligo dii comunicazione ENEA: per poter fruire della detrazione del 50% prevista per gli interventi effettuati nel 2018 di recupero edilizio a seguito dei quali si consegue un risparmio energetico e/o si utilizzano fonti rinnovabili di energia, è previsto l’obbligo di inviare un’apposita comunicazione all’ENEA. Tale comunicazione dei dati va effettuata entro 90 giorni dalla data di ultimazione dei lavori/collaudo. Per i lavori il cui termine/collaudo è nel periodo dal 1 gennaio al 21 novembre 2018 l’invio all’ENEA deve avvenire entro il 1 aprile 2019. Per i lavori il cui termine/collaudo è dopo il 21 novembre 2018 la comunicazione all’ENEA deve essere effettuata entro 90 giorni. Qualora non si sia effettuata la comunicazione si può porre rimedio con una remissione in bonis, pagando una multa di 250 euro entro il 31 ottobre 2019

  • Detrazione Bonus verde: il beneficio consiste nella possibilità di portare con l’aliquota di detrazione del 36% le spese sostenute nel solo anno 2018 per un massimo di 5.000 euro per interventi relativi a:
    • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti o di singole unità immobiliari esistenti e delle relative pertinenze o recinzioni e delle parti comuni esterne degli edifici condominiali.
    • realizzazione di impianti di irrigazione o di pozzi (nel giardino di pertinenza dell’edificio o dell’unità immobiliare) e coperture a verde e giardini pensili (sui terrazzi/lastrici solari).

  • Detrazione abbonamenti trasporto pubblico locale: il beneficio consiste nella possibilità di portare con l’aliquota di detrazione del 19% le spese per acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale per un importo non superiore a 250 euro sostenute per se stessi e per familiari fiscalmente a carico.

  • Spese dii istruzione: è aumentato da 717 a 786 euro per studente il limite previsto per la detrazione del 19% delle spese sostenute per la frequenza di scuole dell’infanzia (scuola materna), del primo ciclo di istruzione (scuole elementari e medie) e della scuola secondaria (scuole superiori) del sistema nazionale di
    istruzione (pubbliche o private). Si ricorda che tra le spese detraibili rientrano anche quelle sostenute per l’utilizzo della mensa scolastica e spese pre-post scuola (in quanto essendo servizi scolastici integrativi, sono strettamente collegati alla frequenza scolastica). Non sono detraibili le spese relative al servizio di trasporto scolastico. Questa detrazione non è cumulabile con quella prevista per le erogazioni liberali alle istituzioni scolastiche per l’ampliamento dell’offerta formativa.

  • Detrazione polizze per eventi calamitosi: il beneficio consiste nella possibilità di portare con l’aliquota di detrazione del 19% le spese relative a polizze assicurative aventi ad oggetto il rischio di eventi calamitosi relativamente a unità immobiliari ad uso abitativo stipulate a decorrere dal 1 gennaio 2018.

  • Detrazione spese sostenute per soggetti con disturbo specifico apprendimento (DSA): il beneficio consiste nella possibilità di portare con l’aliquota di detrazione del 19% le spese sostenute per l’acquisto/uso di strumenti che favoriscano l’apprendimento di soggetti con diagnosi di disturbo specifico di apprendimento, fino al completamento della scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore).

  • Erogazioni liberali terzo settore: le liberalità erogate a favore degli enti del Terzo Settore non commerciali sono deducibili nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato. Qualora tale importo sia superiore al reddito complessivo dichiarato, diminuito di tutte le deduzioni, l’eccedenza può essere computata in aumento dell’importo deducibile nei successivi periodi d’imposta, ma non oltre il quarto, fino a concorrenza del suo ammontare.

  • Donazioni a favore dii Onlus e associazioni di promozione sociale (APS): è possibile detrarre il 30%, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30 mila euro.

  • Donazioni a favore di organizzazioni dii volontariato (OdV): è possibile detrarre il 35%, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30 mila euro.

  • Mutuo soccorso: è stato elevato a 1300 euro il limite di detrazione dei contributi associativi alle società di mutuo soccorso.

  • Spese sostenute dagli studenti universitari: limitatamente agli anni d’imposta 2017 e 2018 il requisito della distanza previsto per fruire della detrazione del 19% dei canoni di locazione si intende rispettato anche se l’università è situata all’interno della stessa provincia ed è ridotto a 50 chilometri per gli studenti residenti in zone montane o disagiate.

  • Spese sanitarie: limitatamente agli anni d’imposta 2017 e 2018 sono detraibili le spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 del Registro nazionale di cui all’articolo 7 del Decreto del ministro della sanità 8 giugno 2001, pubblicato in G.U. n.154 del 5 luglio 2001, con esclusione di quelli destinati ai lattanti.

  • Riduzione dell’aliquota di detrazione dal 65% al 50%: per le spese sostenute dal 1 gennaio 2018 per gli interventi di acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi, acquisto e posa in opera di schermature solari, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A, acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.

  • Spese per interventi finalizzati al risparmio energetico: per i condomini nelle zone sismiche 1, 2 e 3 sono state introdotte le detrazioni per gli interventi sulle parti comuni che riducono il rischio sismico insieme alla riqualificazione energetica, nella misura dell’80% se si consegue il passaggio a una classe di rischio inferiore o dell’85% se il passaggio è a due classi di rischio.

  • R.I.T.A: il percettore della rendita temporanea anticipata ha facoltà di avvalersi in dichiarazione della tassazione ordinaria in luogo di quella sostitutiva applicata dal soggetto erogatore.

  • Previdenza complementare dipendenti pubblici: dal 1 gennaio 2018, in materia di deducibilità dei premi e contributi versati per la previdenza complementare, si applicano anche ai dipendenti pubblici le stesse disposizioni previste per i dipendenti privati.


GUARDA GLI ESEMPI
Modello 730
279 KB pdf 138Kb
5 per mille promemoria
5 per mille scadenze